20 Settembre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS > News
20-03-2011 20:13 - News
Lo scorso anno aveva vinto in volata e dunque non aveva avuto il tempo per farlo. Quest´anno ha trionfato per la terza volta consecutiva, togliendosi le scarpe a duecento metri dall´arrivo e tagliando il traguardo di Via dei Fori Imperiali a piedi scalzi, come il mitico Abebe Bikila nelle Olimpiadi di Roma nel 1960. La 27enne etiope Firehiwot Dado Tufa ha trionfato questa mattina nella 17^ Maratona di Roma Acea, tagliando il traguardo con il tempo di 2h24´13".
L´italiana Rosaria Console ha chiuso con un bel 5° posto in 2h29´15", nonostante un leggero infortunio alla vigilia.
Il 24enne keniano Dickson Chumba Kiptolo ha invece trionfato nella gara maschile, tagliando il traguardo in 2h08´45".

L´ASD PODISTICA AMATORI POTENZA è stata degnamente rappresentata da i "Gemelli" della Maratona BOCCIA Antonio (Pulici) e DE STEFANO Pietro (Graziani) che hanno chiuso la gara piazzandosi rispettivamente alla 104^ e 195° posizione della Cat. MM35, ottenendo entrambi il miglior tempo personale sulla lunga distanza dei Km. 42,195 con il tempo di 3h11´(BOCCIA) e 3h20´(DE STEFANO).

Gli altri componenti della compagine potentina CLAPS Vincenzo,PALMIERI Eschilo, ADRIATICO Giuseppe, BATTISTA Francesco e ROMANIELLO Domenico hanno chiuso con molta delusione la lunga e faticosa maratona corsa sul difficilissimo percorso romano.
Indipendentemente dai tempi conseguiti, oltre le proprie aspettative, ai nostri cinque atleti vanno le nostre congratulazioni per aver terminato la prova , mai scontata e facile , conquistando la meritata medaglia al valor podistico.

Tempi e Piazzamenti degli ATLETI della Podistica Amatori POTENZA

Cat. MM 35 - BOCCIA Antonio Pos. Cat. 104° Tempo 3h11´45"
Cat. MM 35 - DE STEFANO Pietro Pos. Cat. 195° Tempo 3h20´07"
Cat. MM 50 - PALMIERI Eschilo Pos. Cat. 348° Tempo 3h56´38"
Cat. MM 50 - CLAPS Vincenzolo Pos. Cat. 390° Tempo 3h59´41"
Cat. MM 50 - BATTISTA Francesco Pos. Cat. 500° Tempo 4h55´31"
Cat. MM 60 - ROMANIELLO Domenico Pos. Cat. 225° Tempo 5h09´01"
Cat. MM 65 - ADRIATICO Giuseppe Pos. Cat. 39° Tempo 4h17´03"


Fonte: Redazione
L´innovatore 21-03-2011
Correre con il sorriso
Avete visto che faccia sofferente ha il GRANDE BOCCIA .....Guardate che sorriso splendido ha il GRANDISSIMO PIETRO.... "le foto non mentono" Complimenti a TUTTI
il moralizzatore 21-03-2011
correttezza
sarei grato al redattore se scrivesse i tempi esatti!
Grazie
matteo 21-03-2011
Giustizia e merito
Cari amici, giustizia e merito va riconosciuta agli atleti che hanno partecipato alla Maratona di Roma in rappresentanza della nostra società
Altrettanta giustizia e merito va data a chi li ha allenati e alle....tabelle che hanno seguito.
Allora, giustizia e merito dicono che a primeggiare, anche in questa cirostanza, come sta succedendo con frequesnza ultimamente, sono gli atleti della cura Vista.
Non è una questione... oculistica... ma assolutamwente la capacità di programmare una giusta preparazione con ... lungimiranza.
Giustizia vuole che qualcuno (pseudo-allenatore) ... si faccia da parte, e lo faccia presto onde evitare altre disavventure !!!
:-)
eugeniotaurisano67 21-03-2011
Complimenti
Desidero complimentarmi con i ragazzi che si sono cimentati
fra le vie della capitale per la bella pagina di sport che hanno saputo offrire.
A margine consentitemi di ringraziare tutti gli amici che ieri pomeriggio mi hanno telefonato per farmi GLI AUGURI!!!!!
amico di runner68 21-03-2011
La sfida è aperta.........
Cari amici, è doveroso complimentarsi con tutti i ragazzi che nonostante acciacchi e problemi vari hanno tenuto alta la bandiera della Podistica. Un plauso particolare va fatto ai due grandi gemelli del gol Boccino e De Stafano che con il risultato ottenuto sono stati incoronati quali i nuovi "Re di Roma". E´ altrettanto doveroso sottolineare che l´evento di Roma ha definitivamente sancito che la Podistica oltre a sfornare grandi piccoli campioni si è rivelata una fucina di scuole di pensiero ed di allenamento. Non a caso alla emergente scuola "Vista" si è affiancata quella del gruppo delle "sei di mattina", capitanata dal grande Donato Berterame che, per chi non lo sappia, era presente a Roma ad accompagnare e motivare lungo il percorso i suoi adepti.
Il vero banco di prova sarà Milano dove l´affermata scuola del coach presidente Albano si contenderà il titolo con la scuola "Vista" ed il gruppo delle "sei di mattina", ma attenzione anche alla new entry rappresentata dai fans della scheda "Pafundi" che negli ultimi giorni ha attirato l´attenzione di vari bookmakers inglesi......Provare per credere!
Ormai la sfida è aperta!!!
1/2kilo 21-03-2011
grazie
Era ormai dal lontano 09/12/2007 con Reggio Emilia che non mi cimentavo più con i 42,195 Km e avevo dimenticato la gioia che si può provare nel prepararla, nel chiedere un pò a tutti consigli, e nell´affrontare dal primo all´ultimo metro una Maratona. La gioia immensa l´ho assaporata ieri presentandomi da gladiatore in pantaloncini alla Maratona nella città più bella del mondo. Roma mi ha dato tanto, come mi ha dato tanto il mio più caro amico Donato a cui devo la spinta morale degli ultimi 21 Km.
Grazie Rocco e grazie a tutti coloro che scommettendo su di me.......anche questa volta hanno perso.
Pulici 22-03-2011
Grazie a tutti
Grazie a tutti per i complimenti.
A Rocco Vista per la sua cura, ad Eschilo per il suo Compex, ai miei più cari tifosi Fedele ed Eugenio che continuano a credere in me anche quando mi vedono zoppicare, al mio gemello per la condivisione del pre e post gare (in attesa chissà quando di tornare a condividere le gare), al mio talent scout Tonino il barbiere per l´acconciatura che (se pur sofferente) mi fa sembrare sorridente nelle foto, al compare di crocco Matteo per l´affetto e a tutti quanti hanno avuto un pensiero per me. Grazie Pietro Pulici
runner 68 22-03-2011
A Roma: uomini ominicchi e quaquaraquà
La maratona di Roma ha confermato che per la Podistica Amatori Potenza vale la classificazione del genere umano regalataci da Leonardo Sciascia nel "Giorno della Civetta"
Uomini: Boccia, De Stefano, Adriatico (rispetto per l´età) e Romaniello (sempre grande);
Ominicchi:Palmieri e Claps
Quaquaraqua: Franco Battista e Gigino Albano.
meditate gente....meditate
grande fratello 22-03-2011
roma
è vero ci sono due scuole di pensiero (Vista Albano)
ma gli uomini Albano devo combattere con sfortuna e tiraggio...... Eugenio tu da che parte stai???
boccino detto graziani 22-03-2011
grazie
Grazie a tutti voi se siamo arrivati a questi risultati.Io lo devo specialmente ai compagni di corsa mattutini,in particolare a Donato,Leonardo,Eschilo,Vito,Attilio,Gianni e quanti hanno sopportato e sopportano i miei ritardi!!! E poi un grazie al resto degli amici che mi hanno sostenuto e hanno scommesso su di me, oltre che al mio gemello sempre più in forma e pronto a correre di nuovo con me..
e a chi dice che soffro, è vero ho sofferto ma al traguardo posso dire di aver migliorato per la quinta volta consecutiva il mio personale sulla maratona.Come canta il vasco...eh già: io sono ancora qua!!!
eugeniotaurisano67 23-03-2011
ONESTA´ INTELLETTUALE.
Caro Grande Fratello,
te lo dico subito da che parte sto, sperando ovviamente che la mannaia della censura non si abbatta inesorabile come sovente accade quando ciò che viene espresso appare inviso alla "CUPOLA".
In maniera chiara ed inequivocabile sto dalla parte dell´onestà intellettuale, di chi ha il coraggio delle proprie idee ed azioni, dalla parte di chi prende posizioni chiare ed alla larga dagli atteggiamenti equivoci.
La scuderia Albano che sempre più va sciogliendosi come neve al sole va lamentando chissà quali complotti ai suoi danni, fatta di tiraggio e quant´altro.
Già qui assistiamo ad un capovogimento della realtà ma del resto un antico proverbio caro ai pignolesi recita così :"CHI VA SEMINANDO SPINE.....DOPO HA PAURA DI CAMMINARE SCALZO".
Da qualche mese a questa parte il "DREAM TEAM" dei miei stivali che possiamo praticamente riassumere nella figura del suo RAIS, andava pontificando, divideva i buoni dai cattivi, gli amici dai non amici, emetteva sentenze stilando classifiche e graduatorie di capacità e meriti che secondo la sua filosofia avrebbe dovuto ottenere il sigillo in quel di ROMA e successivamente MILANO.
Ovviamente il tutto si realizzava in un clima di allegoria che avrebbe dovuto veder recitare sempre i soliti attori.
Ma c´è sempre l´incognita e l´imprevisto che provvede a riequilibrare le cose.
E Domenica scorsa, appena tre ore dopo le ultime sentenze, nubi minacciose si affacciavano trasformando un lieto pranzo in un amaro boccone che poi gli si metteva di traverso.
Al di là della umana comprensione nei confronti dello sfortunato protagonista di un episodio sfortunato, in quel momento il mio pensiero andava a chi con gli occhi fuori dalle orbite ed il volto paonazzo, rantolava con un filo di voce: "MAMMA SACRATA!!!!!!!!".
Certe seppur effimere soddisfazioni non hanno prezzo.
Per il futuro .....DIO VEDE E PROVVEDE.

Pietro Pulici 24-03-2011
Tranquilli scherzano
Leggendo i commenti sembra di respirare un clima pesante di polemica. Qualche tempo fa quando ancora conoscevo poco gli attori ci sono cascato anch´io. Qualche volta un pò turbato mi sono chiesto: "ma scherzano o fanno sul serio?". Poi li ho conosciuti meglio e soprattutto ho conosciuto le loro storie, di Gigino, Fedele, Eugenio, Rocchino il maestro, e così mi sono rassicurato. Quando c´è un legame forte che ti unisce, quando sei cresciuto insieme, quando ne hai combinate tante, all´altro puoi dire di tutto, sai che che ci sorriderà sopra. E così fanno loro sornioni. Si prendono, e ci prendono, in giro, parlano "male" l´uno dell´altro, e tutto ciò semplicemente li diverte...e finalmente diverte anche me che alcune volte invece sono rimasto quasi turbato. Grazie ragazzi, a TUTTI, per il clima gogliardico e divertente. Grazie...e ora sotto con Milano.
matteo 24-03-2011
Divertimento
Cari amici, ma non credete sia il caso di continuare a correre divertendosi, lasciando da parte ogni sorta di polemica, vera o falsa che sia, ma comunque sempre soggetta e oggetto di equivoci?
Io ho ripreso a divertirmi quando sono tornato a correre, dopo un infortunio che mi aveva fatto prendere paura, senza pensare al risultato a tutti i costi.
Voglio continuare semplicemente a mettere le scarpette, fare qualche gara, partire per poi passare sotto l´arco dell´arrivo senza guardare il tempo.
Questa pratica, quella del cronometro, la lascio agli altri, a quelli più bravi e capaci di me (tutti). Potreste pensare che lo dico perchè non ho le capacità di competere con i risultati degli altri. Forse per altro. La risposta la lascio alle vostre intelligenze. Io posso solo dire che quello che faccio mi gratifica e mi diverte. Il resto per me conta poco, anzi nulla.
Voglio chiudere con una semplice esortazione a tutti, sempre che mi sia concessa e non abbia il sapore educativo di cui nessuno necessita: non roviniamo con le polemiche un giocattolo che stiamo costruendo con l´ambizione di perfezionare sempre di più.
Lo sfottò sta nei giochi ma non esasperiamolo. Ne va di mezzo il nostro futuro.
Un abbraccio a tutti.
Pulici 24-03-2011
...dalla parte di Matteo
...bravo Matteo, condivido le tue parole. Quando un infortunio ti fa temere di non poter più mettere le scarpette ai piedi il cronometro passa ampiamente in secondo piano...condivido le tue parole, quindi, sono dalla tua parte!



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio



Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio